Smart Working

Un approccio integrato per vincere la sfida!

Ciclo SW

 

COMPILA SUBITO IL NOSTRO SURVEY SULLO SMART WORKING
Riceverai il withe paper "SMART WORKING, OLTRE LE MODE - un approccio integrato per vincere la sfida"
Successivamente ti ricontatteremo per illustrarti il risultato dell'analisi del survey

SURVEY ON LINE

 

 

Lo Smart Working amplia e completa una modalità di lavoro che in passato aveva preso il nome di “Telelavoro”, cioè lavoro a distanza.
Secondo le ultime accezioni, ormai universalmente riconosciute, lo Smart Working identifica una nuova modalità di lavoro subordinato, indirizzata a migliorare, tra l’altro, la produttività, grazie ad una innovativa ridefinizione dei comportamenti umani, degli spazi e delle tecnologie abilitanti.
Lo Smart Working fa riferimento ad un nuovo modello di organizzazione del lavoro nel senso più ampio del termine, e questo è possibile grazie alla disponibilità di tecnologie digitali, di terminali intelligenti (smartphone, tablet, notebook di nuova generazione) e alla propensione delle persone alla interazione e relazione virtuale, nonché ad una maggiore consapevolezza ed attitudine all’utilizzo di forme di condivisione distribuite. Lo Smart Working indica dunque un ripensamento innovativo di stereotipi quali:

  • Luoghi di lavoro;
  • Spazi di lavoro;
  • Orari di lavoro;
  • Strumenti di lavoro;

Lo Smart Working consente di organizzare lo sviluppo delle attività di un soggetto operante sul mercato attraverso la predisposizione di una logistica intelligente, efficiente ed attenta ai bisogni e alle esigenze delle persone. L’efficientamento della logistica e l’utilizzo intelligente degli spazi genera, evidentemente, implicazioni positive sulla mobilità urbana e sull’ambiente, rendendo assai più efficiente la gestione ordinaria delle vie di comunicazione e offrendo un contributo significativo alla salvaguardia degli equilibri ambientali.
Lavorare in modo “agile” rappresenta non solo una opportunità da cogliere, ma sempre di più una necessità che deve far fronte ai costanti problemi di riorganizzazione e di efficientamento aziendale e, dunque, va costantemente interiorizzata dalle organizzazioni e supportata dalle istituzioni nazionali e locali.
Nel momento in cui viene adottata una iniziativa di Smart Working il lavoratore acquisisce e/o migliora il proprio bagaglio di competenze, spesso rendendole più vaste e più efficacemente relazionate alle esigenze dell’organizzazione di appartenenza.
In particolare, lo Smart working consente di rendere più efficiente la gestione del proprio lavoro e delle tempistiche di riferimento, la scelta degli spazi e dei mezzi a propria disposizione, nel rispetto degli obiettivi stabiliti con l’azienda in una cornice flessibile che ne disegna regole e finalità.

 

I BENEFICI DELLO SMART WORKING

I benefici legati all’adozione di un progetto di Smart Working possono essere classificati secondo diversi criteri. Un criterio è quello che vede i benefici sostanzialmente divisi in tre categorie: benefici per l’azienda, benefici per il lavoratore e benefici per la responsabilità sociale e per la sostenibilità ambientale. Un altro criterio consiste nel classificare i benefici dividendoli in: benefici ad impatto economico diretto (es. aumento produttività) e benefici senza impatto economico diretto (ad esempio conciliazione dei tempi vita-lavoro). A riguardo, una ricerca dell’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano ha appurato che l’adozione del lavoro agile ha sortito alcuni effetti benefici tra i quali un incremento della produttività fino al 20%, un taglio dei costi di gestione degli immobili aziendali tra il 20% e il 30%, un netto calo dell’assenteismo. Mentre, dal punto di vista del singolo dipendente, l’Osservatorio ha dimostrato che allo Smart Working è correlato un miglioramento significativo della qualità della vita e del clima in azienda.

 

SMART WORKING: COME OPERIAMO

TeSAv in partnership con Brand id, realtà operante nel settore ICT, affronta il tema dello smart working adottando un pproccio sistematico indirizzato in quattro fasi in accordo al principio del miglioramento continuo il cui grafico viene esplicitato dalla figura sottostante e i cui contenuti sono descritti di seguito.
Il modo di operare unitamente alle nostre competenze ci consentono di sviluppare progetti inerenti allo Smart Working che includono l’ambito legale e contrattualistico, l’ambito dei processi organizzativi, l’ambito tecnologico e quello della formazione.
Nella fase di assessment, oltre agli aspetti specifici strettamente legati allo Smart Working teniamo in debita considerazione anche gli aspetti inerenti le seguenti tematiche:
• l’innovazione tecnologica ed in particolare gli aspetti del piano Impresa 4.0 e i relativi vantaggi fiscali che ne derivano dalla sua applicazione;
• la protezione dei dati personali che con l’innovazione tecnologica e con le soluzioni di Smart Working riveste una sempre maggior importanza per le aziende anche in virtù della prossima applicabilità (25 maggio 2018) del Regolamento UE 2016/679 meglio noto come GDPR.
.

 

 Ciclo SW

 

  • ASSESSMENT: Analisi del contesto aziendale ed individuazione delle esigenze di Smart Working, assessment dell’infrastruttura ICT, identificazione dei benefici derivanti dall’adozione di modalità Smart Working
  • PROGETTO: Definizione del nuovo modello organizzativo e dei nuovi processi operativi, definizione e progetto dell’infrastruttura abilitante, rivisitazione, adeguamento e riprogettazione degli spazi fisici, valutazione dell’adeguamento alla normativa sulla privacy e sicurezza dei dati, predisposizione del piano di “change management” e del piano di comunicazione e formazione, definizione della road-map e del piano di sviluppo del progetto.
  • IMPLEMENTAZIONE: Sviluppo delle attività operative per l’implementazione di quanto definito nella fase progettuale in termini di nuove soluzioni tecnologiche, change management, comunicazione e formazione.
  • MONITORAGGIO E ASSISTENZA: Monitoraggio e valutazione dei benefici ottenuti e assistenza sulle soluzioni tecnologiche implementate. Monitoraggio e Audit per identificare eventuali criticità per le quali, secondo il principio del miglioramento continuo, si procederà all’eventuale aggiornamento progettuale. Adeguamento dell’organizzazione ad eventuali aggiornamenti normativi e regolatori. 

COMPILA SUBITO IL NOSTRO SURVEY SULLO SMART WORKING
Riceverai il withe paper "SMART WORKING, OLTRE LE MODE - un approccio integrato per vincere la sfida"
Successivamente ti ricontatteremo per illustrarti il risultato dell'analisi del survey

SURVEY ON LINE